Altra ricapitolazione della saga Roberto Burioni blasta gente. Circa due giorni fa il virologo aveva ripreso Armando Siri, il leghista che faceva parte della squadra del Governo Conte I. L’admin di Medical Facts non aveva approvato le posizioni assolutamente poco ortodosse del dott. Luigi Cavanna sull’idrossiclorochina. Ragion per cui, Armando Siri gli ha ricordato quel giorno in cui persino Roberto Burioni aveva nutrito speranze verso il farmaco contro l’artrite reumatoide. Aveva risposto così:

Carissimo Senatore Armando Siri, la ringrazio per l’attenzione, ma la invito a legger meglio non dico tutto il lavoro, ma almeno il titolo nel quale appare molto chiaramente che questo composto è efficace IN VITRO.
Questa espressione latina significa che l’idrossiclorochina è efficace in esperimenti di laboratorio, che sono la premessa per studi clinici in grado di dimostrare che il composto è efficace anche nella pratica clinica e non solo in laboratorio
Orbene, nonostante queste evidenze IN VITRO fossero molto incoraggianti, purtroppo le sperimentazioni cliniche – successive alla pubblicazione di questo lavoro – hanno dimostrato non solo che la idrossiclorochina non è efficace, ma che è addirittura pericolosa. Per cui allo stato delle conoscenze (che può sempre mutare) prescrivere idrossiclorochina sarebbe del tutto inaccettabile.

Per chi fosse interessato alle fonti, rimandiamo direttamente al post di Medical Facts (qui il link).

Come se questo non blastasse (ah ah) Armando Siri non ha scontato neanche una settimana di vergogna. Risponde con il post sottostante alla stoccata di Roberto Burioni, che ripubblica celermente sulla sua pagina Facebook.

Accipicchia, il senatore sembra aver fatto i compiti a casa. Il nostro master blaster di fiducia non alza mai bandiera bianca. La sua risposta al post di Armando Siri ha fatto tremare i vetri del blastometro.