Superata la metà di agosto, una delle regioni che più stava risentendo dell’aumento dei contagi era la Sardegna. Come dimenticare la nera faccenda del Billionaire e del focolaio di contagi tra gli operatori. Il presidente della regione a trazione centrodestra prova a giustificarsi in una dichiarazione pubblica. Solinas afferma di non essere stato a conoscenza del parere negativo del CTS sull’apertura delle discoteche. Inoltre, anche se ne avesse negato l’apertura estiva non sarebbe cambiato assolutamente nulla, secondo il governatore. Infatti, feste private e assembramenti spontanei in spiaggia sarebbero stati l’occhio del ciclone di contagi esattamente come le discoteche a cinque stelle.

Secondo Solinas l’apertura delle discoteche ha permesso di tenere maggiormente sotto controllo la situazione. Certo.

Potremmo tacciare di benaltrismo il blast. Ma non lo faremo. Ad economia si risponde con economia. Complimenti, campione. Colpo ben assestato.