C’era una volta Chicco Master Blaster. Era il re del ring. Aveva persino coniato il termine webeti. Sta perdendo lo smalto il direttore di Open, il giornale online della rivoluzione. I vaccini proposti da Moderna e Pfizer sembra siano a buon punto con il trial clinico. Si tratta ‘solo’ di far uscire il farmaco dalle temperature più che polari in cui riesce ad essere conservato. Roba da niente. Stamattina, dal suo account ufficiale, Chicco parla della necessità di una campagna di vaccinazione universale e gratuita, come il diritto alla salute. Nessuno costringe nessuno a respirare, nessuno costringerà nessuno a vaccinarsi. Ci saranno gli evasori, ma è fiducioso nel fatto che ritroveremo la nostra libertà. Ecco il post:

Dato che con ogni probabilità le dosi non saranno per tutti, almeno in un primo momento, un utente chiede un criterio per la distribuzione. Un criterio che infila il dito nella piaga di un Titolo V della Costituzione che mette in crisi la gestione della sanità pubblica. La sovranità regionale o nazionale sulla profilassi nazionale è il motivo per cui tutti, Governo e Regioni, tardano nel prendere decisioni di qualsiasi tipo. Chicco, che deve aver mangiato yoghurt stamattina, gli risponde in maniera molto acida. L’utente squarcia il velo di Maya.

E il blast torna indietro come un boomerang

Peccato Chicco, sarai più fortunato la prossima volta.